Spedizioni GRATUITE per ordini sopra i 59€. Covid-19 possibili ritardi di consegna.
Carrello 0
0
CARRELLO
PROFILO

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

3 metodi per conservare le pappe

13/07/2020

Quando prepariamo le nostre zuppe o le pappette fresche, ricordiamoci che la loro conservazione in frigo non è eterna! 

Ma ci possiamo dare un piccolo aiuto.Ormai in commercio si trovano dappertutto le macchine sottovuoto ad uso casalingo. Sono una manna dal cielo! Ovvio, non mi rendono eterno il cibo, ma ne prolungano in modo interessante la durata. Quanto basta per darci il tempo che ci serve a rifornire le nostre scorte.

Ecco quindi che una volta cotta la zuppa, la raffredderemo più velocemente possibile, immergendo direttamente la pentola nel lavandino pieno di acqua fredda e ghiaccio se ne abbiamo (vanno bene anche le piastre di ghiaccio che teniamo sempre in freezer per la borsa frigo estiva, so che tutte le tenete in casa dai!). Mescolando regolarmente aiuteremo il raffreddamento più veloce.

Sottovuoto
Una volta freddo, terremo fuori quello che ci serve per pranzo e cena e procederemo allo stoccaggio delle porzioni per la settimana. Procuratevi dei vasetti a chiusura ermetica, vanno bene quelli che usiamo per la marmellata, e riempiamoli con la nostra zuppa. Chiudiamoli bene e inseriamo in ogni sacchetto, i vasetti che ci servono per una giornata. Chiudiamo sottovuoto con la nostra bella macchinetta e stop. Abbiamo un sacchetto sigillato, pronto per ogni giorno.

​​​​​​​Contenitori ermetici
Se non siete amanti del sottovuoto, i vasetti chiusi ermeticamente si conservano tranquillamente 4-5 giorni in frigorifero. Sarà comunque nostra cura in entrambi i casi, portare ad ebollizione la zuppa, prima di consumarla.

Congelatore
Un’altra cosa che possiamo fare è congelare le porzioni di zuppa una volta fredde, in modo da avere una scorta sempre pronta da scongelare al volo direttamente in pentola. Possiamo usare le formine per i ghiaccioli, che ci danno una quantità perfetta di zuppa per il nostro bambino. Basterà aggiungere un goccio di acqua, la pastina e il gioco è fatto. Pronte all’uso, già porzionate.
Una volta congelata, la nostra zuppa si conserverà tranquillamente per circa 4 mesi.

​​​​​​​L’ideale per preservare le nostre porzioni alimentari in gelo, di qualsiasi natura esse siano, è sempre il sottovuoto. Quindi vi consiglio sempre se potete di sottovuotare le vostre porzioni, questo le protegge dall’eccessiva disidratazione a cui le sottopone l’atmosfera del congelatore e vi aiuta a ritrovarle nel piatto molto più saporite e nutrienti.

Scongelare correttamente
Se volete invece scongelare le vostre porzioni di minestrone per la sera o per il giorno dopo, mi raccomando, mettetele in un contenitore e fatele scongelare in frigorifero. Se il congelatore ferma l’attività batterica, ricordatevi che poi una volta iniziato lo scongelamento, l’attività batterica ricomincia e la temperatura ambiente ne rende favorevole la riproduzione. Quindi scongelate sempre tutto in frigorifero! Se non avete tempo, mettete il vostro alimento congelato in un sacchetto alimentare sigillato e fatelo scongelare sotto l’acqua fredda corrente. Ovviamente come ho detto, se si tratta di zuppe, minestre e alimenti a base liquida, potete tranquillamente scongelarli direttamente in pentola sul fuoco.

Ecco che in pochi passaggi ci siamo costruite un piccolo arsenale su più fronti, fresco, congelato fresco, cotto e congelato cotto.
E chi ci ferma più?


​​​​​​​
Foto di Elena Recchia
Elena Recchia
Attualmente sono primo Chef de Partie presso il Relais et Chateau “La Chèvre d’Or” di Eze Village, vicino Nizza. Appassionata di cucina fin da piccola, alla fine, dopo varie peripezie, ho ceduto a questa passione e ho messo tutte le mie energie nel trasformare il mio sogno in realtà e mestiere.
#svezzamento #pappe